Maggiori informazioni

Per una guida ancora più sicura
Guido bene, ma che cosa posso fare per incrementare ulteriormente la sicurezza?

Anche se si sente sicuro al volante, può fare molto per prevenire gli incidenti. Ecco alcuni consigli.

  • Si assicuri che la sua automobile sia in buono stato. Allacci sempre la cintura.
  • Regoli i poggiatesta correttamente: all'altezza del margine superiore della testa e il più vicino possibile alla testa.
  • Eviti di guidare negli orari di punta.
  • I veicoli, le strade e le norme della circolazione cambiano in continuazione. Segua un corso di aggiornamento come quelli proposti dal TCS, dall'ACS e da alcune autoscuole.
  • Si assicuri regolarmente di essere in grado di guidare in sicurezza o chieda a un medico o a uno specialista di sottoporla a un test. Si raccomandano i consulenti di guida che sono maestri conducenti per persone anziane.
  • Non si metta al volante
    • dopo aver bevuto alcol,
    • se è stanco
    • o se non se la sente.
  • Prenda sul serio le osservazioni dei suoi passeggeri.
Come farsi ascoltare dal medico
Alcune delle risposte che ho dato nell'autovalutazione indicano che dovrei farmi visitare da un medico. Voglio essere sicuro che quest'ultimo capirà le mie preoccupazioni e ascolterà le mie esigenze.

Gli studi medici sono spesso presi d'assalto. Un paziente potrebbe quindi pensare che il suo medico non abbia tempo a sufficienza per dedicargli la necessaria attenzione. In questi casi può essere utile seguire alcuni consigli.

  • Consideri il rapporto con il suo medico un rapporto da pari a pari. Il suo compito è di fare domande attivamente ed esprimere le sue preoccupazioni. Il compito del medico è di ascoltarla e capire quali sono le sue esigenze.
  • Prima dell'appuntamento, annoti su un foglietto le sue domande e inquietudini. Porti con sé il foglietto il giorno della visita.
  • Chieda a una persona di fiducia di accompagnarla. Questa persona ascolterà il medico, recepirà le informazioni e si assicurerà che venga preso sul serio.
  • Inizi a porre le domande più urgenti e esponga le sue preoccupazioni.
  • Sia sincero, affinché il medico possa aiutarla nel miglior modo possibile. Le informazioni che gli darà saranno trattate con la massima riservatezza. Se il medico lo reputa necessario, tuttavia, può informare la sezione della circolazione, ma non è tenuto a farlo. Gli parli anche di questo aspetto.
  • Prenda appunti per tenere una traccia di quanto discusso. Chieda al medico di mettere nero su bianco le informazioni più importanti.
Corsa di controllo con un consulente di guida
Vorrei sottopormi a un test di idoneità alla guida, ma ho paura che mi venga ritirata la licenza di condurre.

Può sottoporsi al test senza temere che i risultati abbiano conseguenze dirette per lei (ad es. ritiro della licenza di condurre). Cerchi un consulente di guida (maestro conducente per persone anziane) per una corsa di controllo. Questa persona valuterà la sua capacità di guida e, se necessario, le darà preziosi consigli.

  • Dia prova di apertura e buon senso quando riceve i risultati.
  • Se i risultati evidenziano problemi, dovrà adeguare le sue abitudini in modo da poter circolare nel modo più sicuro possibile e mantenere la licenza di condurre. La persona che effettuerà la valutazione potrà darle utili consigli al riguardo.
  • Si prepari tuttavia all'eventualità di dover smettere di guidare per proteggere sé stesso e gli altri utenti da incidenti gravi.
Alternative all'automobile
Ci tengo a rimanere autonomo ma vorrei guidare il meno possibile o smettere di guidare.

A seconda di dove abita, dove vuole andare e di come cammina ha diverse possibilità per spostarsi senza automobile.

  • Tram, bus, treno: può richiedere l'orario alle aziende di trasporto o consultarlo online.
  • Taxi e taxi a chiamata: si informi per sapere dove si trova la fermata di taxi più vicina (elenco telefonico, internet).
  • Servizi di trasporto: esistono anche servizi di trasporto, come quello offerto dalla Croce Rossa Svizzera o da Pro Senectute, che generalmente sono più convenienti del taxi.
  • Programmi di mobilità collettiva: in alcune regioni sono stati lanciati programmi di mobilità collettiva destinati a determinate categorie di persone, come gli anziani. Si informi per sapere se nella sua regione ne esiste uno.
  • Privati: familiari, amici o vicini sono sicuramente disposti a darle un passaggio. Forse le risulta difficile chiedere aiuto. Perché non propone loro di pagare la benzina o li invita a pranzo per sdebitarsi?
  • A piedi o in bicicletta: se la salute glielo permette, può spostarsi anche a piedi o in bicicletta. Il vantaggio di questa soluzione è che fa bene alla salute e mantiene in forma. Consideri anche l'opzione della bici elettrica.
Mobilità a lungo termine
Per ora sono in grado di guidare, ma la situazione potrebbe cambiare. Voglio potermi spostare anche in futuro senza problemi.

Come pianifichiamo il pensionamento, dovremmo anche prepararci all'eventualità di non poter più guidare. Con l'avanzare dell'età la maggior parte degli anziani guida meno (ad es. non lo fa più di notte). Chi prima chi poi, molti rinunciano del tutto all'auto. Qui di seguito trova alcuni consigli su ciò che può fare per rimanere mobile a lungo termine.

  • Si assicuri regolarmente di essere in grado di guidare in sicurezza. La situazione può cambiare rapidamente. La presente autovalutazione può fornirle prime indicazioni, anche se la perdita di determinate capacità deve sempre essere valutata da un medico o da un altro specialista.
  • Faccia pratica a sufficienza, anche se tendenzialmente lascia che sia il suo coniuge o compagno a guidare. Con la routine aumenta la sicurezza di guida.
  • Se prevede di cambiare casa, si assicuri che vi siano possibilità di trasporto alternative. C'è un'offerta di bus, tram o taxi per evitare di dover guidare di notte o in condizioni di cattivo tempo? Nelle vicinanze ci sono familiari o amici che potrebbero darle una mano?
  • Ogni tanto usi il taxi, il tram, il bus o il treno per acquisire dimestichezza con questi mezzi nel caso in cui un giorno dovesse averne bisogno.
Aiutare altri conducenti anziani
Conosco una persona che ha sempre più difficoltà a guidare. Come posso aiutarla?

Se si rende conto che un anziano ha difficoltà a guidare, dovrebbe parlargliene apertamente. Certo non è facile, ma per il diretto interessato è un'informazione molto utile. Ecco alcuni consigli.

  • Chieda al coniuge, al compagno o agli amici della persona interessata se anche loro si sono accorti della sua insicurezza al volante. Cercate insieme il modo migliore per affrontare il tema.
  • Parli della presente autovalutazione e proponga alla persona interessata di farla, magari insieme.
  • Chieda ogni tanto se può darle un passaggio.
  • Se è preoccupato dell'insicurezza alla guida di un suo familiare, può informarne il medico e chiedergli di affrontare il tema al prossimo appuntamento.
  • Incoraggi il diretto interessato a guidare sempre meno e a cercare soluzioni alternative.